Il progetto educativo, promosso dall’Associazione Insieme, non è dato una volta per tutte: la verifica costante della sua validità e storicità è parte integrante del metodo e della verifica sul proprio lavoro e sulla sua coerenza.

Consapevoli che l’obiettivo del cambiamento non significa il raggiungimento di una condizione felice prefigurata da modelli ma è dato da una tensione continua a voler  perseguire, di volta in volta, modalità originali e autonome  dello stare bene con sé, con gli altri e con il contesto. Riconoscendo e rispettando la soggettività di ogni processo di cambiamento

Al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati, il progetto educativo promosso dall’Associazione Insieme  privilegia l’utilizzo dei  seguenti strumenti di lavoro:

Accoglienza:

L'accoglienza è il primo e fondamentale approccio con la persona in difficoltà. Sentirsi accolto prima e imparare ad accogliere dopo, vuol dire sentirsi riconosciuto e sentire di essere un luogo in cui sono in vigore codici affettivi e relazionali di attenzione all’altro.

Accoglienza è prima di tutto ascolto. L’ascolto è lo strumento principe dell’accoglienza; da una parte presuppone il  mettere  a tacere il proprio dialogo interiore per potersi avvicinare a chi si ha di fronte, senza giudizio e senza richieste, dall’altra  significa ascoltarsi, sentire i propri sentimenti rimandandoli all’altro come strumento di relazione.

L’ascolto assume valenze differenti nei diversi momenti del percorso individuale della persona: nell’approccio è richiesto talvolta  un ascolto empatico che consente alla persona di esprimere liberamente le difficoltà e le contraddizioni, in un percorso già individuato, assume la valenza di accompagnamento, di sostegno, di verifica, di confronto con il piano di realtà .

Il Gruppo

La proposta educativa si fonda essenzialmente sulla vita di gruppo e riconosce nel confronto con gli altri, la possibilità di aumentare la consapevolezza di sé.

Permette di sperimentare legami di appartenenza e di identificazione positiva. Il gruppo è la palestra in cui si giocano le paure rispetto alla relazione con l’altro, in cui si allena la propria competenza sociale  e si sperimenta la differenziazione. Si impara a dire ciò che si pensa, ad esprimere le proprie emozioni, a stare dentro un conflitto ed a non essere più tutti uguali confrontandosi con le differenze. Nell’esperienza di gruppo si sperimentano valori  quali quelli dell’unicità e del rispetto per la persona, della solidarietà di gruppo e del senso di giustizia, della speranza, della vicinanza e dell’autenticità, della fiducia nell’altro ed in se stessi.

Il Quotidiano

La cura di sé, la gestione della casa, il lavoro, le attività culturali e ricreative, la gestione del tempo libero sono mezzi per raggiungere obiettivi di responsabilizzazione, collaborazione e cogestione, crescita dell'autonomia personale, valorizzazione delle proprie potenzialità .

La Relazione

La proposta educativa si concretizza nella valorizzazione della relazione, dello stare insieme in un rapporto di reciprocità che si evolve nel tempo offrendo alle persone la possibilità di sperimentare un rapporto in cui sia possibile stare insieme, con pari dignità, ascolto e gratuità, nella diversità e nelle specificità di ciascuno.

Il Lavoro:

curare l’orto, costruire un oggetto, ecc. sono attività in cui è in gioco la possibilità di riconoscersi competenze nel prendersi cura, nel costruire, nell’imparare. Attraverso il lavoro si ritrova  la possibilità concreta di riconoscersi responsabili di qualcosa, di esprimere una parte costruttiva e di allenarsi a mantenere la continuità. Il lavoro è il confronto con il piano di realtà nei suoi aspetti di gratificazione, ma anche di fatica e frustrazione.

Le Norme e i Limiti :

La vita di comunità con le sue regole è una costante esperienza di confronto con il limite e con la norma, dimensioni queste fragili nelle situazioni di dipendenza sia dal punto di vista interno che sociale.

Oggetto di lavoro non è solo l’adattamento alla norma, ma la graduale ricerca, attraverso una condivisione degli obiettivi, di un significato che possa promuovere un atteggiamento responsabile.

La Crisi:

La Crisi è parte del percorso terapeutico in cui si apprende con l’aiuto del gruppo a riconoscere aspetti di fragilità, segnali e situazioni a rischio, e costruire strategie di difesa  e protezione.  Il contatto con l’esterno, previsto in fasi avanzate di programma, permette di verificare la propria capacità/difficoltà di tenuta rispetto alla sostanza primaria e/o sostanze sostitutive, in un contesto di accompagnamento .

“Empowerment”:

La comunità rappresenta uno spazio di costante allenamento per scoprire e valorizzare le capacità individuali e di gruppo. Il rafforzamento delle proprie capacità di scelta, di autodeterminazione, di autoregolazione permettono lo  sviluppo del sentimento del proprio valore e dell’autostima.

L’intervento degli operatori dell’Associazione Insieme è incentrato sul lavoro di équipe e sull’integrazione con gli operatori del Servizio Pubblico

Sono previste le seguenti riunioni:

  • riunione settimanale interna relativa all’organizzazione del Servizio e la gestione dei casi.
  • riunione bimestrale interna relativa al monitoraggio dell’andamento del progetto e di valutazione dei percorsi individuali;
  • riunione mensile di supervisione dell’équipe
  • riunione trimestrale di verifica e programmazione del Servizio;


Sono previsti incontri periodici con gli operatori dei Servizi invianti al fine di concordare gli interventi.